Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » Video evento » Intervento dr. Claudia Poppi
Convegno ”Perché ci ammaliamo? Chi e che cosa ci guarisce?” Intervento dr.ssa Claudia Poppi
data evento 29/03/2013

Convegno ”Perché ci ammaliamo? Chi e che cosa ci guarisce?” Intervento dr.ssa Claudia Poppi

"Nela vita di tutti i giorni sentiamo spesso frasi del tipo 'io mi sono ammalato'. Il che significa che ho accettato una situazione per cui il mio corpo porta disarmonia". E' questo l'esordio della dr.ssa Claudia Poppi, counselor a indirizzo psicosomatico e di meta-medicina. "Ma se io mi sono ammalato - prosegue Poppi - significa che posso anche guarirmi e decidere cosa fare - pur nei mie disagi corporei - per favorire il mio benessere dentro e fuori di me.  Nel sintomo l'anima vuole comunicare al corpo il suo disagio, ma quanto tempo dedichiamo all'ascolto del nostro corpo?". La mente ci sostiene, ma a volte ci sabota ed è allora importante prestare attenzione ai nostri pensieri, andando nella direzione di favorire pensieri sani, perché il corpo si nutre di cibo, ma anche di pensieri sani. "Per la meta-medicina - spiega Poppi - la malattia è prima di tutto un messaggio, una modalità con cui l'anima ci dice se abbiamo nutrito pensieri ed emozioni sani. Occorre riconciliarci coi i nostri stati d'animo, portare attenzione, senza esagerare, al messaggio del corpo, al fine di lasciare andare il conflitto che ha generato il sintomo fisico. La psicosomatica viene fatta risalire a Freud, ma è una scienza ben più antica: si ricollega alle medicine ayurvedica e cinese, dove al centro vi è la persona nella sua complessità e non il paziente. Basta pazienza, della pazienza non sappiamo più che farcene!".

Video

Commenta