Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » Interviste » A Massimo Rodolfi

Exalux, ”eteriche” erbe di luce

"Nasco come storico, essendomi laureato in Storia Contemporanea presso l'Università di Bologna, fin dall'adolescenza però mi sono sempre interessato di terapie naturali, yoga, meditazione, e conoscenza esoterica. Questo interesse, col tempo, è diventato prevalente e mi ha portato a fondare diverse realtà, oggi tutte operanti sul territorio nazionale. La prima è stata l'Associazione Atman, creata nel 1994 per lo studio del Raja Yoga e dell'Esoterismo, che oggi conta più di mille soci in tutta Italia. Poi è arrivata nel 1996, Energheia, la prima scuola italiana per terapeuti esoterici, oggi presente in otto città italiane. Nel 2006 ho fondato la Draco Edizioni, la mia casa editrice, con la quale voglio contribuire a diffondere una visione olistica del mondo. A ruota è seguita la creazione de Il Discepolo, la rivista che dirigo da sei anni, poi è arrivata Agnihotri, i Custodi del Fuoco, il Sentiero di Guarigione del Guerriero del Fuoco, che io considero una vera e propria scuola di Yoga, Vita e Salute, che propone corsi ed attività di ogni ordine e grado. Infine, da un paio d'anni è attivo il portale denominato per l'appunto Yoga, Vita e Salute, che contiene al suo interno attività anche più specificamente rivolte al sociale, come il blog La Finestra sul Mondo, o quello dell'associazione Riprendiamoci il Pianeta - Movimento di Resistenza Umana, che ha organizzato anche manifestazioni nazionali di varia natura. L'interesse per le erbe, che è l'interesse di una vita, come dicevo, si è concretizzato nella linea Exalux, per cercare di dare un contributo nel contrastare gli effetti delle scie chimiche, che, al di là della disinformazione ufficiale, sono un tragico aspetto dei nostri tempi. Queste irrorazioni chimiche clandestine, effettuate sia con intenti militari che di geoingegneria dai governi di diversi paesi del mondo, sono una vera minaccia alla nostra salute. La linea Exalux, peraltro efficace anche a contrastare ben altre patologie, ha tra i suoi intenti, quello di mantenere alto il livello energetico umano in un ambiente divenuto estremamente aggressivo per il nostro equilibrio psico-fisico.


Nel libro “Exalux Erbe di Luce” da lei realizzato assieme Donatella Donati affermate che le piante sono “vita che si manifesta nella forma”. Può chiarire meglio questo affermazione?

In realtà, tutto ciò che esiste è "vita che si manifesta nella forma", in quanto tutto il Creato è espressione della vita che si esprime attraverso il suo involucro esteriore, le forme che i nostri sensi fisici sono abituati a percepire. Così si manifesta lo Spirito nella Materia. Il problema dell'essere umano è che, normalmente, percepisce solo l'aspetto esteriore di tutte le cose, ritenendo che la vita si svolga solo sul piano materiale.

 

“Exalux” ovvero “luce esagonale”, come siete arrivati a questo concetto?

Potendo vedere la vita al di là della forma, e avendo come obiettivo quello di trovare qualcosa che ponesse, per quanto possibile, rimedio agli effetti delle irrorazioni chimiche che subiamo attraverso le cosiddette scie chimiche, è stato possibile riconoscere la forma energetica che tale rimedio di base doveva avere. Un esagono di luce per l'appunto.

 

In che modo i rimedi da voi creati (le erbe di luce) agiscono sull’uomo?

Oltre ai benefici tradizionalmente noti, dovuti ai principi attivi presenti in maniera ponderale nelle piante, noi ci siamo occupati dell'aspetto vitale ed energetico, al di là della forma. In particolare, puntando ad una visione sistemica del nostro approccio terapeutico, ci siamo preoccupati di creare delle combinazioni energetiche che, di volta in volta, agiscano sui vari apparati e sistemi del nostro organismo. Questa modalità però, rimane inserita in una visione, come si diceva una volta, olistica, che considera il nostro corpo come un tutto unico, non disgiunto dagli aspetti più profondi della nostra coscienza.

 

Che differenza c’è tra le erbe di luce e i più “tradizionali” rimedi a base di erbe?

La linea Exalux è stata creata considerando soprattutto le energie eteriche delle piante, che si pongono, anche rispetto ai principi attivi, come le vere cause dell'efficacia vitale delle erbe. L'erboristeria antica, nelle sue origini, non può avere trascurato la realtà energetica di quelle meravigliose creature viventi che sono le piante, ma è un dato che oggi, nel clima scientifico e materialista dominante, è in atto una separazione tra quelle che una volta erano considerate conoscenze magiche e le conoscenze considerate scientifiche. Vera conoscenza sarebbe considerarle necessarie entrambe e procedere a una fusione dei saperi. Vedremo...

 

Come vi collocate rispetto al tema dell’inquinamento terrestre: l’avidità umana avrà la meglio sulla saggezza di Madre Terra?

La nostra visione è prettamente ottimista, anche perché riteniamo che la vita, infine, prevalga sempre sulla stupidità e la distruttività. Certo è necessaria una inversione di tendenza nel campo della coscienza umana, in modo che l'essere umano e la vita tutta, possano tornare al centro delle preoccupazioni delle nostre società. Solo in questo modo potrà essere evitata una catastrofe di portata planetaria, le cui possibilità sono sotto gli occhi di tutti.

 

Con le “erbe di luce” ci muoviamo nel campo dell’energia e della vibrazione: secondo lei l’umanità è pronta a ragionare in termini “energetici” o la strada da percorrere è ancora tanta?

Allo stato attuale, l'umanità non sta dimostrando, nel suo complesso, di essere pronta a ragionare in questi termini. È altrettanto vero però, che da qualche decennio, si sta sempre più diffondendo un bisogno di conoscenza e di consapevolezza, che fa ben sperare. Inoltre, la vera responsabilità di una possibile crescita di conoscenza, e di accettazione di paradigmi diversi rispetto a quelli attuali, sta in chi governa l'informazione e l'educazione, oggi piegate al volere di una ricerca scientifica plasmata sulla volontà delle multinazionali

 

Chi e come commercializza le “erbe di luce”?

La ditta Fitoben di Milano, http://www.fitoben.it, sin dall'inizio del progetto Exalux, si è messa a disposizione con entusiasmo e professionalità, per produrre e commercializzare i prodotti di questa linea, che possono essere acquistati direttamente chiamando la Fitoben, ma anche richiedendoli nelle farmacie e nelle erboristerie.

 

Può fornire qualche nome di “prodotto” presente sul mercato e illustrarne le capacità curative?

I prodotti Exalux sono assunti regolarmente da un numero considerevole di persone, con le quali siamo costantemente in contatto, per cui possiamo affermare di avere, anche se in modo informale, delle 'statistiche' relative all'efficacia dei nostri prodotti. Posso citare, per esempio, l'Exapneuma, prodotto creato per tutelare ed incrementare le energie di tutto l'apparato respiratorio, che in diverse occasioni ha dimostrato un'ottima capacità terapeutica, coadiuvando nella risoluzione di problematiche, sia semplici, come un banale raffreddore, che complesse, come una polmonite.

 

Nelle foto Massimo Rodolfi e prodotti Exalux realizzati e commercializzati Fitoben, azienda di prodotti naturali fitoterapici in capsule e cosmetici nata dalla quarantennale esperienza nei laboratori farmaceutici di Milano del dr. Anselmo Benassi, esperto preparatore e soprattutto ideatore di formulazioni originali e di grande efficacia.

Exalux, ”eteriche” erbe di luce
Exalux, ”eteriche” erbe di luce
Exalux, ”eteriche” erbe di luce

Commenta