Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » NEWS » Attualità
data evento 04/02/2014

Cibo fresco, gli europei che spreconi!

Panasonic (azienda leader nello sviluppo e nella realizzazione di prodotti elettronici e di soluzioni destinate all’uso residenziale e professionale, alla comunicazione mobile e alla cura della personaha) ha reso noto una ricerca (realizzata in collaborazione con ICM) secondo la quale il 58 % degli europei non riesce a consumare il cibo fresco che compra settimanalmente, facendolo finire in spazzatura. L'indagine ha interessato 5 mila persone in cinque Paesi europei, ovvero Germania, Gran Bretagna, Spagna, Francia e Italia. Dalla ricerca è emerso che il 62% dei tedeschi getta cibo fresco nella spazzatura ogni settimana, aggiudicandosi il podio nella classifica degli spreconi d’Europa in termini di volume di alimenti freschi non consumati. Gli spagnoli interpellati guidano la classifica dei risparmiatori con il 50% degli intervistati che afferma di non gettare mai cibo fresco. Anche gli Italiani si distinguono per parsimonia: ben il 42% della popolazione non butta via cibo, riconoscendo quindi il debito valore alla spesa effettuata. Le donne italiane sono le più frugali, con il 44% che non spreca nulla rispetto al 39 % degli uomini. La ricerca mostra che gli Italiani più anziani sono i più attenti agli sprechi, con oltre la metà di over 65enni che non sprecano mai cibo fresco (rispetto ad appena il 28 % dei giovani tra i 18 e 24 anni). I francesi, invece, si distinguono per un altro primato negativo: in termini di valore economico del cibo sprecato, si aggiudicano il primo posto con oltre un quarto (il 26%) degli intervistati che dichiara di sprecare 250 euro di cibo fresco ogni anno. La ricerca condotta da Panasonic ha rilevato che gli europei ritengono importante l’utilizzo di ingredienti freschi nella preparazione dei pasti, nonostante - come detto - oltre la metà (il 58%) di loro non riesca a consumare tutto il cibo fresco con il quale riempiono il proprio frigorifero ogni settimana. Un terzo (il 33%) degli europei acquista cibi freschi più di tre volte a settimana. Gli Italiani sono al primo posto per frequenza d’acquisto di alimenti freschi: quasi un quarto (il 23%) degli intervistati ha dichiarato di acquistare alimenti freschi almeno quattro volte a settimana. Nella classifica dell’attenzione rispetto ai cibi freschi seguono gli spagnoli, i tedeschi, i francesi ed, infine, gli Inglesi. In tutta Europa, gli Italiani sono i più propensi ad utilizzare ingredienti freschi in cucina: il 46% degli intervistati va a fare la spesa almeno tre volte a settimana . La dieta mediterranea sembra affermarsi tra tutte le generazioni, con quasi un quarto dei giovani (18-24 anni) che acquista in negozi di alimentari freschi almeno quattro volte alla settimana. Gli italiani che vivono nel Sud sono i più grandi acquirenti di ingredienti freschi con oltre la metà (54%) degli intervistati che acquista cibo fresco almeno tre volte a settimana. Il Nord-Overst della penisola, invece, si distingue con il 35% degli intervistati che acquistano cibo fresco al massimo una volta a settimana.. A proposito di Panasonic: Panasonic Corporation è leader mondiale nello sviluppo e nella realizzazione di prodotti elettronici e di soluzioni destinate all’uso residenziale e professionale, alla comunicazione mobile e alla cura della persona. A partire dalla sua fondazione, nel 1918, le attività dell’azienda si sono sviluppate a livello mondiale ed ora contano più di 500 società in tutto il mondo, con vendite nette consolidate per oltre 68 miliardi di euro nell’anno fiscale terminato il 31 marzo 2013. In ciascuno dei settori in cui opera, Panasonic si propone di offrire una più alta qualità della vita in un ambiente globale migliore, creando prodotti il cui valore aggiunto è il frutto di una continua innovazione. Panasonic Italia, fondata nel 1980, conta 140 dipendenti ed un network di agenti sul territorio nazionale. L’azienda ha sviluppato un fatturato complessivo di 265 milioni di Euro nello scorso anno fiscale. Maggiori informazioni sul gruppo e sul marchio Panasonic sono disponibili al sito www.panasonic.it.

Commenta