Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » NEWS » Attualità
data evento 14/04/2014

”Google glass” nel mirino del Ministero dello sviluppo economico

I “Google glass”, gli occhiali di nuova generazione prodotti da Google, finiscono nel mirino del Ministero dello sviluppo economico il quale, a seguito di un esposto presentato dal Codacons, ha aperto una indagine sul prodotto. Lo rende noto l’associazione dei consumatori, che ha ricevuto formale comunicazione da parte del dicastero. "Nelle scorse settimane avevamo chiesto al ministero di intervenire, bloccando la commercializzazione in Italia degli occhiali Google – spiega il presidente Carlo Rienzi - Nella fase di sperimentazione del prodotto, infatti, i Google glass avrebbero fatto insorgere emicranie e uno stato di malessere nei collaudatori. Delicatissimo poi il fronte della privacy, considerato che tali occhiali potrebbero addirittura permettere l’identificazione delle persone, mediante applicazioni capaci di fornire dati sensibili attraverso il riconoscimento facciale". E così la Direzione Generale - Sicurezza e conformità dei prodotti del ministero ha deciso di indagare e fare chiarezza. In una nota afferma: “si comunica che questa Direzione sta al momento valutando gli eventuali aspetti di propria competenza relativamente al prodotto segnalato, ed ha investito della problematica anche la Direzione generale per la pianificazione e la gestione dello spettro radioelettrico di questo Ministero. Di conseguenza, dal momento che la tematica segnalata è attualmente all’attenzione di questa amministrazione, si provvederà ad informare tempestivamente in merito ad ulteriori elementi che dovessero emergere in prosieguo”.

Commenta