Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
home » NEWS » Fitoterapia
data evento 08/10/2014

Maqui, una superbacca di origine sud-americana

L’Aristotelia chilensis (maqui) è un arbusto sempreverde autoctono che cresce in alcune aree del Sud America (Cile e Argentina), i cui frutti, piccole bacche di colore scuro, sono usati da sempre anche a fini curativi dalle popolazioni indigene. Studi recenti hanno dimostrato che questa pianta ha una spiccata attività anti-ossidante in vitro con un valore ORAC tra i più alti rispetto ad altre bacche e frutti ricchi di polifenoli come il mirtillo, il goji o l’açai. Studi preclinici, su tessuti isolati e in vivo, hanno dimostrato che estratti e certe frazioni purificate del maqui hanno azione anti-infiammatoria, contrastano l’ossidazione, sono cardioprotettivi, inibiscono enzimi-chiave del metabolismo glucidico, stimolano il sistema immunitario e sarebbero anche chemo-protettivi.

Commenta